Voglia di smettere, voglia di rinascere

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  |Beth| il Ven Apr 26, 2013 9:33 pm

Salve a tutti, è da un po' che seguo questo forum e finalmente ho trovato il tempo, nonché il coraggio, di presentarmi e parlare di uno dei problemi, anzi, DEL problema che da almeno una decina d'anni in qua condiziona la mia esistenza in maniera spaventosa, anche più di quanto io stessa non voglia ammettere.
Ho scoperto questo forum tramite il blog Diario di un'autolesionista (della founder del forum, credo), che ho divorato, col cuore in gola, ed in cui mi sono rispecchiata in tutto e per tutto, specie negli stati d'animo che perseguitano in modo sistematico chi è afflitto da questa ossessione. Finalmente ho capito la vera entità della mia "mania", ho capito che non sono pazza o solo tremendamente idiota a schiacciarmi di continuo (e senza avere una così grave forma di acne, per di più), ma che alla base c'è un disturbo REALE e concreto; dunque, forse, bisogna imparare ad essere più indulgenti verso noi stesse/i, cercando al tempo stesso di combattere per uscirne.
Più facile a dirsi che a farsi, ovviamente, ma sento comunque di dovervi ringraziare per aver aperto questo forum e offerto un po' di informazione sull'argomento. Non avevo idea di quante persone, al giorno d'oggi, soffrono di acne escoriata.. guardando i siti stranieri, mi sembra assurdo che qui in Italia se ne sappia così poco!
Comunque sia, la mia storia non sarà molto dissimile dalle vostre, o perlomeno non vi suonerà nuova. Dall'adolescenza ai miei attuali 25 anni non ho fatto altro che massacrarmi il viso e vivere ogni giorno con la frustrazione ed il senso di colpa di essere inguardabile, impresentabile agli occhi di tutti. Mi sono chiusa in me stessa, nonostante fossi una ragazza solare ed estroversa, andavo avanti rifiutando di uscire, inventando migliaia di scuse diverse, solo perché la mia faccia era un vero e proprio campo di battaglia.. arrivavo alle crisi di pianto quando ancora non avevo imparato a truccarmi e non avevo pertanto modo di mascherare almeno un minimo lo scempio che mi ero fatta.
Tutt'ora la situazione non è cambiata (anzi, in questi giorni sono punto e a capo: croste, rossori, brufoli infiammati, etc.).. ma ho attraversato periodi in cui per circa un mese o più sono riuscita a non toccarmi per niente e, facendo un po' di mente locale, quei periodi hanno coinciso con i momenti migliori della mia vita. Da qui il titolo del topic: ho voglia di rinascere, di riprendermi la mia vita, di SMETTERLA di sentirmi costantemente frustrata e inadeguata.. di tornare ad essere me stessa.
Spero che scrivervi e leggervi mi dia uno stimolo in più per bloccare questa catena infinita di attentati alla mia pelle, e nel mio piccolo spero di poter sostenere anche voi nella lotta all'acne escoriata Smile

Un abbraccio a tutte/i,
Beth

|Beth|

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Sandro1983 il Ven Apr 26, 2013 10:23 pm

Ciao Beth... Io una certezza ce l'ho,vincere aiuta a vincere... Voglio dire che se riusciamo a non massacrarci il viso per qualche settimana ci vedremo migliori fuori e questo ci farà sentire migliori dentro... E sarà la nostra nuova autostima ad impedirci di tornare indietro!!! È sarà come rinascere!!! In questo senso le sfide aiutano,diamoci piccoli traguardi e vediamo come va... Ho avuto tante ricadute,ma questa è l'ultima volta che mi faccio del male...

Sandro1983

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Nina3 il Sab Apr 27, 2013 12:04 am

Ehi ma quante persone nuove in questi giorni, forse non è appropriato esserne contenta ahahha nel senso che non sono contenta che abbiate questo problema ma mi fa piacere che abbiate trovato il coraggio di scrivere ^^
Le nostre storie purtroppo sono tutte molto simili, anch'io lotto con l'acne escoriata da circa 10 anni, quando ho la faccia devastata non esco neanche sotto tortura, invento scuse per non uscire, mi isolo. Anch'io sono riuscita a stare mesi senza escoriarmi, un po' perché come dice Sandro vincere aiuta a vincere, quindi avere la pelle bella innesca un circolo virtuoso per cui si riesce a non toccarsi per non rovinare tutto, un po' perché vivevo momenti più tranquilli di adesso. Per me la cosa è molto evidente, quando qualche evento esterno mi provoca rabbia, ansia, tristezza trovandomi nell'impossibilità di esternare questi sentimenti sento proprio l'urgenza di escoriarmi. Il guaio è che sento di essere una persona troppo sensibile, non riesco a farmi scivolare le cose addosso, qualsiasi cosa mi tocca nel profondo e quindi per me la serenità emotiva è qualcosa di irraggiungibile.
Spero che continuerai a scrivere e che qui troverai un po' di conforto. un bacio!

Nina3

Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 15.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  |Beth| il Dom Apr 28, 2013 9:35 pm

Grazie ad entrambi per l'accoglienza!
E non preoccuparti Nina, capisco la gioia nel poter parlare del nostro problema con qualcuno^^ anche se naturalmente non lo si augurerebbe nemmeno "al peggior nemico".. e non tanto per una questione meramente estetica, quanto per lo stato d'animo che ne scaturisce.
Condivido in pieno la frase di Sandro: vincere aiuta a vincere Very Happy e ho notato, oltre agli aspetti già evidenziati da voi, che più tempo riesco a resistere senza escoriarmi, più tendo a "perdere interesse" nel farlo.. quindi alla voglia di continuare a sentirmi bene col viso pulito, si aggiunge una diminuzione dell'impulso e dell'impellenza di schiacciare ogni imperfezione. Capita anche a voi?
Purtroppo, alla base delle ricadute che rovinano settimane e mesi di impegno, c'è questo:

Nina3 ha scritto:Per me la cosa è molto evidente, quando qualche evento esterno mi provoca rabbia, ansia, tristezza trovandomi nell'impossibilità di esternare questi sentimenti sento proprio l'urgenza di escoriarmi. Il guaio è che sento di essere una persona troppo sensibile, non riesco a farmi scivolare le cose addosso, qualsiasi cosa mi tocca nel profondo e quindi per me la serenità emotiva è qualcosa di irraggiungibile.
Nella stragrande maggioranza dei casi, è così anche per me Sad Durante periodi in cui sono fortemente stressata o comunque emotivamente provata, corro a schiacciarmi senza indugiare un secondo... in quei momenti non me ne frega niente dell'impegno che ci ho messo per guarire, infrango in un istante tutte le regole e le promesse che mi sono fatta e ripetuta migliaia di volte, e compio una strage. Molto più di rado, invece, lo faccio per pura e semplice noia. So che è paradossale, visto che ci sono MIGLIAIA di cose utili e piacevoli (o comunque sicuramente non nocive!) che si potrebbero fare per ingannare il tempo, ma lo stato di apatia in cui talvolta verso, mi porta dritta davanti allo specchio a massacrarmi il volto, oppure, pinzetta alla mano, e via sulle gambe... ho anche il vizio di togliere i peli incarniti (che sono praticamente invisibili se non li si guarda da pochi centimetri di distanza), ma lo faccio meno di frequente.

Ah, finalmente oggi è caduta l'odiosa crosta che avevo da quasi una settimana... una liberazione che, sono certa, potrete ben immaginare! Certo, se tornando a casa ieri sera non avessi ceduto alla tentazione di levarmi qualche brufoletto di troppo, avrei un aspetto almeno decente, invece sono ancora piena di rossori... ho notato che a fine giornata, specie quando mi strucco, non riesco proprio a resistere.. ma andare a letto col trucco è decisamente fuori discussione. Suggerimenti per evitare il massacro notturno? pale

|Beth|

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Sandro1983 il Lun Apr 29, 2013 12:12 am

Ciao Beth,in questi anni non ho mai realmente capito cosa porta ad escoriarmi... Il più delle volte la mia immagine riflessa mi infastidisce,quasi come non mi riconoscessi,in quei momenti mi causo i danni peggiori. Molti psicologi ci dicono di osservare nel nostro passato ma io oggi ho 29 anni e anche se ho vissuto una vita lontana dal comune e conosciuto realtà che molti neanche sfiorano non addosso assolutamente la responsabilità del mio disturbo a traumi del passato. Per farla breve non ho idea di come è cominciata e sul come finirla sono ancora in alto mare. Anch'io ho molti problemi la notte,l'ansia e la conseguente insonnia mi portano spesso davanti allo specchio nonché in un vortice di pensieri che non riesco a controllare,in questi anni ho imparato che il trucco è concentrarsi su un pensiero alla volta,magari distogliendo l'attenzione,io sono appassionato di cinema e ogni notte mi preparo minimo due film che seguo concentrato fino a che non svengo dal sonno. Come consiglio più "tecnico" posso dirti che tramite la mia ragazza ho cominciato ad usare saltuariamente,prima di mettermi a letto,GARNIER PURE,un tonico astringente purificante con agenti igienizzanti+zinco,mi lascia davvero la sensazione di disinfettato e pulito,occhio però che è un po' forte... Oggi anche per me è stato il primo giorno senza un odiosa crosta gigante sullo zigomo che durava da 13 giorni,sotto la pelle è chiaramente macchiata ma almeno so di stare sulla via della guarigione.Ho voglia di una SUPERESTATE2013.

Sandro1983

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Grazia il Lun Apr 29, 2013 1:25 pm

Hi guys, and welcome to our forum! Inutile dire quanto io mi riveda nelle vostre storie, la voglia di esternare dei sentimenti spiacevoli escoriandomi, la tentazione di ripulirmi prima di andare a letto, la diminuzione dell'impulso e dell'interesse a grattarmi quando la pelle sta meglio. Ah, e anch'io, tramite il mio compagno, sto usando qualche volta il tonico Garnier pure Smile , confermo che è molto forte, ma in vari post ho letto che l'acido salicilico che contiene è molto efficace con la pelle grassa. Per non escoriarsi di sera basta struccarsi a luce spenta o farsi accompagnare in bagno da qualcuno. Gli specchi sono i nostri peggiori rivali, non dimentichiamolo! Ci spingono a cercare difetti, a scavare e a rimuginare mentre siamo in trance di fronte a loro. Funziona proprio così, Beth, la guarigione: consiste proprio nel perdere interesse nella pelle iniziando a ridurre il tempo che passiamo escoriandoci, quindi sei sulla buona strada!! (non che io sia guarita, ma mi sono fatta questa idea)

Grazia

Messaggi : 521
Data d'iscrizione : 01.06.11

Vedi il profilo dell'utente http://acneescoriata.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  |Beth| il Mar Apr 30, 2013 1:15 pm

Buon pomeriggio^^ innanzi tutto grazie ad entrambi per i consigli ed il supporto Very Happy Anch'io ho voglia di una superestate2013, finalmente libera dal picking e dalla preoccupazione di non essere mai presentabile! Però devo dire che, allo stato attuale, non sono per niente sulla giusta strada... nonostante mi sia promessa di non toccarmi più la faccia, la sera puntualmente continuo a ricascarci. E' anche vero che in queste due ultime settimane l'acne non mi ha dato tregua, e resistere quando sento fastidio e gonfiore sotto pelle diventa molto più difficile... in più per me (ma penso di non essere la sola) questa è la fase peggiore da superare: quando cioè vedo la pelle così distrutta e massacrata, ho molti meno stimoli per astenermi dal continuare ad escoriarmi, per cui appena vedo una puntina bianca la schiaccio senza alcuna esitazione... cosa che non farei se avessi la pelle un po' più pulita o comunque in via di guarigione.
Riguardo al Garniere pure, purtroppo ho la pelle delicata, che tende subito a seccarsi, quindi penso che un tonico troppo aggressivo non sia molto indicato, specie in questa fase di ultra-rossore Sad

Sandro1983 ha scritto:Ciao Beth,in questi anni non ho mai realmente capito cosa porta ad escoriarmi... Il più delle volte la mia immagine riflessa mi infastidisce,quasi come non mi riconoscessi,in quei momenti mi causo i danni peggiori. Molti psicologi ci dicono di osservare nel nostro passato ma io oggi ho 29 anni e anche se ho vissuto una vita lontana dal comune e conosciuto realtà che molti neanche sfiorano non addosso assolutamente la responsabilità del mio disturbo a traumi del passato. Per farla breve non ho idea di come è cominciata e sul come finirla sono ancora in alto mare. Anch'io ho molti problemi la notte,l'ansia e la conseguente insonnia mi portano spesso davanti allo specchio nonché in un vortice di pensieri che non riesco a controllare,in questi anni ho imparato che il trucco è concentrarsi su un pensiero alla volta,magari distogliendo l'attenzione,io sono appassionato di cinema e ogni notte mi preparo minimo due film che seguo concentrato fino a che non svengo dal sonno.
Sandro capisco molto bene quello che provi... e penso anche che la maggior parte della gente abbia avuto qualche "trauma" nel proprio passato, piccolo o grande, più o meno doloroso ed accentuato, a seconda della capacità intrinseca di ognuno nel far fronte alle situazioni difficili e del supporto che hanno ricevuto. In ogni caso, non tutte queste persone hanno sviluppato dermatillomania, pertanto dubito che tutto il problema sia riconducibile a qualche preciso evento del passato.
Nemmeno io so come ho iniziato, perché ho iniziato, né perché non sono mai riuscita ad uscirne, sebbene ci abbia provato innumerevoli volte. La realtà dei fatti è che purtroppo sappiamo molto poco dell'acne escoriata anche noi stessi che ne siamo affetti.
Noto comunque che quasi tutti siete riusciti a parlarne con qualcuno e a confidarvi... io l'ho accennato solo al mio ragazzo, ma nessuno è a conoscenza del profondo disagio che ho dentro. Anche quando ho la faccia devastata, metto su il fondotinta e cerco sempre di mostrarmi tranquilla ed allegra, mentre dentro di me mi sento uno schifo... la recita mi riesce bene perché negli anni mi ci sono abituata, è il mio modo per dire a me stessa "chi se ne frega se ho l'acne escoriata?", ma la verità è che me ne frega eccome...

|Beth|

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  |Beth| il Lun Mag 06, 2013 11:15 am

Rieccomi qui dopo l'ennesima ricaduta, scoraggiata ed in collera con me stessa. Questa volta credevo davvero di essere sulla strada giusta per uscire dal picking: ho resistito quasi una settimana dall'escoriarmi, ho lasciato pazientemente cadere le croste, ero riuscita persino "nell'impresa" di superare il mio "momento critico", quello in cui mi tolgo il trucco. Il 90% delle mie ricadute avvenivano sempre in quel frangente, ma sono riuscita a dire NO, non questa volta.
Poi, ieri sera, tanti saluti a tutti i buoni propositi e gli sforzi fatti. Ero un po' di malumore, volevo giusto togliermi un punto nero dalla fronte, che però ha acceso la scintilla ed ha finito per sfociare nel massacro compulsivo della mia pelle.
Sono così arrabbiata. Ce l'avevo quasi fatta a restituirmi una faccia decente!
Adesso dovrò reiniziare tutto da capo, dopo aver assaporato uno sprazzo di spensieratezza, torno chiusa in gabbia per mano mia. Mi sento stufa... non si può proprio vivere così...

|Beth|

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Nina3 il Lun Mag 06, 2013 5:07 pm

Cara Beth, mi sento esattamente come te.
Sono stufa e arrabbiata e soprattutto "torno chiusa in gabbia per mano mia". E' che quando sto bene penso davvero di farcela, penso che sia semplice interrompere questo circolo vizioso, non sento neanche l'urgenza, mi dico che la pelle sta benissimo e quindi non la toccherò più. Ho pensato anche di tenere un diario, per tenere sotto controllo le mie emozioni, se è vero che ci escoriamo la pelle perché non riusciamo a tenere a bada le ansie e le frustrazioni, ma poi tutto accade così velocemente. Non c'è un momento tipo "oddio sento l'urgenza di escoriarmi, non riesco a trattenermi, adesso mi metto a fare qualcos'altro", accade tutto nel giro di pochi minuti, in maniera automatica, mi dirigo verso lo specchio, vedo un puntino nero, lo schiaccio pensando di non fare nessun danno e invece mi ritrovo una nuova ferita. Tra l'altro penso che la mia pelle ormai non ce la fa proprio più perché come la tocco reagisce malissimo, schiaccio un puntino nero, disinfetto, il giorno dopo al suo posto ho un brufolone rosso e dolorante. Infatti spesso alla fine del massacro, mi dico che non va bene, che non posso cedere neanche ad un punto nero perché va sempre a finire così, la soluzione è non toccare più nulla e lavarsi solo la faccia come le persone normali. Non mi ricordo neanche più com'è essere una persona normale, che non ha di questi problemi, che è libera di uscire in ogni momento, senza vivere con il terrore di farsi vedere da qualcuno in queste condizioni. Infilarsi una maglietta, un po' di trucco al volo e uscire. Invidio tantissimo tutto questo, non ne posso davvero più, sono più di 10 anni che vado avanti così Sad

Nina3

Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 15.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  |Beth| il Lun Mag 20, 2013 11:23 am

Piccolo aggiornamento dopo due settimane. La situazione non è migliorata affatto, nonostante abbia tentato (e sia riuscita) a toccarmi il viso il meno possibile, ma la mia pelle sembra in subbuglio in questo periodo di stress... ogni giorno spuntano puntine bianche e piccole cisti sotto pelle che, mio malgrado, finisco per grattare o torturare, procurandomi rossori giornalieri.
Non ho ferite o croste, ma le macchie scure lasciate da quelle precedenti non accennano ad andarsene... proverò a metterci su un po' di limone come suggeriva G. in un'altra discussione, speriamo bene...
Per l'acne invece non so proprio cosa fare. E' pur vero che non uso nessun prodotto per contrastarla, solo un po' di crema idratante la sera e al mattino, perché la mia pelle tende a seccare.
E' snervante e molto demoralizzante non vedere miglioramenti (anzi, vedo lievi peggioramenti) nonostante l'impegno... sono entrata in una fase di stasi in cui mi sembra del tutto inutile tenermi lontana dallo specchio, tanto i rossori al mattino li ho comunque ed i gonfiori da soli non se ne vanno... per lo meno, non se ne vanno nel giro di pochi giorni.
Avete qualche prodotto o rimedio da consigliarmi? Sad

Nina3 ha scritto:Non mi ricordo neanche più com'è essere una persona normale, che non ha di questi problemi, che è libera di uscire in ogni momento, senza vivere con il terrore di farsi vedere da qualcuno in queste condizioni. Infilarsi una maglietta, un po' di trucco al volo e uscire. Invidio tantissimo tutto questo, non ne posso davvero più, sono più di 10 anni che vado avanti così Sad
Nina, non sai come ti capisco e quanto invidio anch'io le persone che non devono preoccuparsi del loro aspetto...
Anch'io da dieci anni in qua ho bisogno di tutta una preparazione (trucco, pettinatura, abbigliamento) per nascondere o almeno minimizzare visivamente l'acne escoriata... senza stare a parlare delle uscite non programmate: se per caso mi sono appena escoriata, mi sento morire dentro al solo pensiero di presentarmi a qualcuno...
Un abbraccio, spero con tutto il cuore che riusciremo ad uscirne prima o poi

|Beth|

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Grazia il Lun Mag 20, 2013 6:29 pm

Ciao Beth perché non consulti un dermatologo per l'acne? Siamo circondati da 1000 rimedi in farmacia ma è il caso che un medico stabilisca qual è quello più idoneo per il tuo tipo di pelle altrimenti col prodotto sbagliato puoi ottenere l'effetto contrario. Poi adesso c'è molta luce quindi trattamenti aggressivi o antibiotici possono macchiare la pelle. Può servire anche tenerla libera dal trucco il più possibile (se sei a casa) e tenerla pulita e idratata. Ma ripeto: consultare un dermatologo ti può far sentire supportata e dare energia nell'iniziare un percorso di miglioramento. Se vedi la pelle star meglio, non sentirai vani i tuoi sforzi. Un bacio

Grazia

Messaggi : 521
Data d'iscrizione : 01.06.11

Vedi il profilo dell'utente http://acneescoriata.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  gionny il Mar Mag 21, 2013 12:36 pm

ciao beth, ti capisco.. tutti gli sforzi che facciamo poi la pelle invece di darci qualche grtifica ci fa disperare con l'acne! io non ho l'acne ma ho una pelle propensa ai brufoli quando sono stressata, contrariamente se sono tranquilla anche per emsi non mi esce un brufolo ma che sia uno.. però vivendo perennemente sotto stress da un giorno all'altro mi sveglio con questi enormi mostri sotto la pelle doloranti e infiammati, io non uso prodotti specifici, non so se la tua sia un acne o se i brufoli ti escono ogni tanto, se è un acne concordo con G. di fare una visita dal dermatolo anche perchè l'ane può derivare da tante cose come gli ormoni, le cisti alle ovaiee, intolleranze alimentari, la tiroide ecc... un dottore bravissimo un anno fa mi fece fare tutti questi esami per farmi stare tranquilla ma non ho niente praticamente i miai brufoli sono da stress, quindi una visita dal deratologo non sarebbe una cattiva ideaa potresti risolvere il problema nel giro di poco!
siamo tutti con te cerca di stare tranquilla e forza e coraggio non sono i brufoli a cambiarci una bella ragazza è bella anche con i brufoli, e in questa società di oggi io vedo dalle ragazze alle donne di una certa età che hanno problemi di pelle! un abbraccio
avatar
gionny

Messaggi : 450
Data d'iscrizione : 10.07.11
Età : 23

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

beth, un consiglio per evitare il massacro serale

Messaggio  twist il Dom Giu 23, 2013 11:43 pm

ciao a tutte quante ragazze splendide e sensibili (se non lo fossimo, tanto sensibili, non avremmo questo problema, no?)
sono nuovissima e ne approfitto per svelare come riesco -ogni tanto- ad evitare di farmi un severo esame alla faccia dopo essermi struccata
anzitutto uso un detergente viso-occhi a risciacquo che non necessita di alcun esame allo specchio durante il lavaggio
una volta sciacquata ben bene, afferro l'asciugamano con gli occhi chiusi, tampono (non strofino eh, tampono) la facciotta sempre ad occhi chiusi e prima ancora che sia asciutta applico un filino del mio idratante preferito.
Prima che mi colga la tentazione di guardarmi nello specchio spengo la luce e fuggo dal bagno.

Funziona sapete? Almeno pe rme che sono miope come una talpa (grazieadio) e da lontano non vedo un tubo

un bacino a tutte

twist

Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 23.06.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Nina3 il Lun Giu 24, 2013 10:53 am

Ciao twist, benvenuta!
Il mio problema è rendere cosciente e vigile qualcosa che non lo è. Mi spiego, per riuscire a trattenermi bisogna che io sia sempre vigile e attenta (cosa tra l'altro molto stancante), per cui in momenti di lucidità mi risulta abbastanza semplice applicare i trucchetti per non guardarmi allo specchio. Il problema è che la maggior parte delle volte il meccanismo è automatico, soprattutto quando sono un po' nervosa o agitata (praticamente tutti i giorni -.-) per cui impedirlo diventa proprio difficilissimo Sad

Nina3

Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 15.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

ciao nina grazie del benvenuto

Messaggio  twist il Dom Giu 30, 2013 5:48 pm

è vero, hai ragione, quasi sempre il meccanismo del <<cos'è questa cosa nuova sulla mia faccia? che ci fa qui e soprattutto chi le ha dato il permesso?!>> si innesca da solo e noi ce ne avvediamo quando è tardi...
ho sperimentato l'altra sera quanto sia difficile fermarsi dopo aver schiacciato la prima robina senza neanche realizzare bene cosa stavo facendo: ho dovuto dare una manata allo specchietto gridandomi "cosa c****o fai?!"

scusa la domanda, ma tu vai in bagno perché devi fare qualcosa nella stanza da bagno o ci vai apposta per guardarti? io quando sono tesissima mi piazzo davanti a uno specchietto piccolo davanti all'abat jour e poi a seconda del livello di infelicità di quel preciso momento, faccio danni oppure no








twist

Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 23.06.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Sandro1983 il Dom Giu 30, 2013 6:25 pm

Io vado al bagno apposta per specchiami... L'ansia mi porta lì come fossi uno zombie... In automatico...

Sandro1983

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  gionny il Dom Giu 30, 2013 6:51 pm

anch io vado per specchiarmi sopratutto quando prima mi sono gia escoriata e quindi è partito il meccanismo maledetto!!!!!
comunque un consiglio perchè non butti quello specchietto! potresti farlo no? non è fisso al muro se non ho capito male io tutti gli specchietti a portata di mano li ho buttati o colorati con un indelebile e ho ridotto molto i danni!
avatar
gionny

Messaggi : 450
Data d'iscrizione : 10.07.11
Età : 23

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Nina3 il Dom Giu 30, 2013 7:54 pm

Dipende, comunque sì spesso ci vado solo per guardarmi. Ma comunque dovrei soltanto vivere in una casa senza specchi, cosa impossibile perché comunque uno specchietto per truccarmi o uno grande per vedere come sto vestita mi serve. Poi vabbè a casa mia lasciamo sta, la situazione è tragica, specchi enormi ovunque -.-
Ho vissuto anche in case con pochi specchi, e a parte qualche miglioramento non è che avessi risolto.
In ogni caso il problema è sempre quello, quando sono lucida non mi guardo neanche, quando sono arrabbiata e triste è un gesto automatico dirigermi verso lo specchio tipo zombie come dice Sandro...

Nina3

Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 15.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  robertina91 il Lun Lug 01, 2013 5:34 pm

Ciao Beth! A parte la mia situazione attuale un po' complicata (vedi post sulla varicella) io ero guarita, ma in modo definitivo. Quando ero nelle fasi peggiori mi dirigevo anch'io in bagno come uno zombie, poi ho cambiato strategia  perché non volevo farmi beccare dai miei. Quindi mi sono munita di specchietti e mi torturavo sulla scrivania, con la luce della lampada accesa, così vedevo anche cose che non c' erano. A volte ero lucida e pensavo di fare una bella cosa a togliere lo schifo e i punti neri. A dire il vero è una cosa di cui sono convinta anche ora, però eliminò le impurità con raziocinio, con scrub, maschere e cerottini. Ovvio che, finché ero piena di croste, questi trattamenti non potevo farli, avrei riaperto le ferite. Poi ho deciso di mettere via lo specchietto. Sentivo l' esigenza di guardarmi ma dovevo andare in bagno e non ci andavo perché,avendo una famiglia numerosa, la probabilità che qualcuno mi beccasse era molto alta. Una volte mi ha beccato mia nonna e mi ha fatto la predica. Io piuttosto di ammettere quello che facevo negavo l'evidenza e per non trovarmi più in quella situazione ho lasciato perdere lo specchio del bagno. Ancora oggi evito con tutta me stessa di accendere le potentissime luci di quello specchio.
Il mio consiglio è di trovare un motivo per evitare il bagno..i miei si accorgevano che entravo in un modo e uscivo in un altro e la vergogna era tale che non si sono più schiacciata in bagno. Però è utile eliminare anche i piccoli specchi e specchiarsi solo per truccarsi. Neanch'io ho mai capito il vero motivo, credo che sia multifattoriale! Però ne sono uscita gradualmente un anno fa circa. Mi ha aiutato una vacanza in un posto dove non mi conosceva nessuno, per cui non mi truccavo, mi ha aiutato il forum e dare un nome a questa cosa, mi ha aiutato passare al bio, eliminare i trucchi con siliconi, usare una crema antibiotici che mi ha dato il dermatologo. Vedere i primi miglioramenti insperati è stato un grande input, però serve costanza. Serve anche accettare la cosa, parlarne senza problemi con amiche, sorelle, fratelli e con il proprio ragazzo. Non è facile, ma se sono amici veri ti ascolteranno e capiranno almeno un po' i tuoi disagi  e tu ti sentirai a posto con loro perché lo sanno. Parlandone con una mia amica ho scoperto che anche lei ne soffre ma solo sulla schiena. Ovviamente una cosa più lieve, però non è così rara. Le mie sorelle si schiacciavano, senza avere grosse crisi esistenziali come me, ma comunque mi capiscono un po'. Iniziare a sentirsi compresi dalle persone che ci circondano è molto importante. Non ci capiranno mai fino in fondo, è ovvio, però saremo liberi di essere noi stessi perché sanno del nostro problema. Hai detto che ogni tanto ti torturi le gambe: occhio, cerca di limitarti perché io ho fatto un danno enorme! Sono andata avanti per anni a strizzare peli incarniti e purtroppo ho avuto una follicolite così forte da farmi crescere una protuberanza che il dermatologo ha identificato come dermatofibroma, ovvero un tumore benigno. Nulla di grave per la salute ma molto antiestetico e causato dalla follicolite. Potrebbe essere asportato ma mi lascerebbe un buco ancora più brutto da vedere, per cui lo tengo così. Da quando mi è uscito non mi torturo più le gambe anche se è dura. Perché all' inizio della guarigione sul viso mi sfogavo sulle gambe. Ho letto che hai la pelle sensibile, come me quindi, appena mi sfioro divento rossa! Volevo consigliarti il tonico acqua di rose della robert's o se vuoi stare sul bio il tonico alle mandorle di fitocose. Li ho testati entrambi e sono molto delicati.

robertina91

Messaggi : 23
Data d'iscrizione : 24.05.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  |Beth| il Mar Lug 02, 2013 7:03 pm

Ciao a tutti... è da un po' che non mi faccio viva, ma ho continuato a leggervi sul forum nei momenti liberi e vi ringrazio per le risposte, sempre incoraggianti, utili, ed in cui non posso che rispecchiarmi.
Non ho trovato il coraggio di scrivere perché la mia situazione in fatto di acne escoriata è sempre più un disastro... non volevo scoraggiare nessuno né rischiare di portare angoscia e malumore a chi ce la sta mettendo tutta per guarire e comincia meritatamente a vedere dei risultati.
Oggi però non ce l'ho fatta e ho sentito il bisogno di sfogarmi un po' Sad
Mi sento in un tunnel senza fine... riesco a non toccarmi il viso solo per un paio di giorni al massimo e dopo rovino tutto (come ho appena fatto, per inciso), mi escorio davvero gravemente e non c'è verso di nascondere i rossori  e le croste in nessun modo. Non esco, evito persino di fare cose normali come andare a comprare il pane o prendere un caffè al bar... Sono totalmente sprofondata nell'apatia e nella tristezza.
Come se non bastasse il malumore si ripercuote sulla salute: ho spesso mal di testa (soprattutto subito dopo essermi escoriata) e mangio poco, pochissimo... se non ci fosse mia madre a preparare per me, penso che farei sì e no uno spuntino al giorno giusto per sopravvivere.
Non so davvero come interrompere questa catena. Una volta riuscivo ad astenermi per due settimane o più senza grossi problemi.. adesso mi sento come all'inizio della malattia... e mi fa tanta rabbia, perché mi allontano inesorabilmente da tutte le mie speranze, dal mio "sogno" di avere una pelle normale -non perfetta- e, di conseguenza, una vita altrettanto normale.
Ho tanta paura di non riuscire più ad uscirne...

|Beth|

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 26.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  pink1 il Mar Lug 02, 2013 7:52 pm

ciao beth,
mi dispiace molto per la tua situazione, ti capisco molto bene, purtroppo è una brutta sensazione sapere cosa vuol dire non avere il coraggio di uscire anche solo a prendere il latte, quanto è demoralizzante. ma dobbiamo reagire, io sto un pochino meglio rispetto a questo inverno anche se ho avuto ed ho le mie ricadute.
quando sono in uno stato pietoso cerco di prendermi del tempo per riprendermi, l'idea di stare in casa qualche giorno e non avere impegni mi toglie un po di stress e mi permette di non escoriarmi più...se la vedi così diventa come andare qualche giorno in una spa a rimmettersi in forma no?

pink1

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 29.04.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Nina3 il Mar Lug 02, 2013 8:41 pm

Coraggio Beth, non mollare! Ti parla una che non aveva quasi più niente sul viso, e qualche giorno fa ho rovinato di nuovo tutto, escoriandomi in maniera grave. E ogni volta ricado in una depressione profondissima, mi rifiuto di uscire, invento scuse su scuse, anch'io ho sempre mal di testa e mangio il minimo indispensabile, e piango e mi dispero. Ma poi ogni volta ci rialziamo, e l'altro giorno pensavo che siamo davvero forti per sopportare tutto questo. Passerà, come è passata le altre migliaia di volte, vivi il tempo in casa non come una prigionia, leggi qualche libro, vediti un film o delle serie tv, non pensare al resto del mondo fuori. L'estate per me è un periodo molto brutto, in 10 anni che ho questo problema ricordo davvero pochissimi momenti felici, ricordo i pianti e le ansie, il sentirsi diversi, l'invidia nei confronti delle persone che in ogni momento possono infilarsi il costume e andare al mare, mentre per me ci sono settimane e mesi di preparazione. Aggiungici anche che da quando non vado più in vacanza con i miei genitori (fino ai 18 anni), io di vacanze vere e proprie ne avrò fatte un paio, un po' per mancanza di soldi, altre volte per mancanza di compagnia. E quindi mi ritrovo a guardare le foto dei viaggi fantastici degli altri, e a pensare che invece la mia vita è vuota, e anche quando faccio tanti sacrifici per non escoriarmi alla fine non è che faccio questa gran vita sociale. Ma sono brutti pensieri che non portano a nulla, iniziamo a pensare positivo, non ti dico di forzarti a uscire perché nemmeno io lo faccio, ma inizia a pensare positivo e a risollevare l'umore, il resto verrà da sè. un bacio grande!

Nina3

Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 15.08.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  gionny il Mar Lug 02, 2013 10:49 pm

Ciao.. ti capisco benissimo anch io sono in un periodo buio.. continuo a pensare alla mia pelle tutto ruota intorno alla mia pelle.. sono sei giorni che nn esco di casa mi sono escoriata in modo grave sett scorsa e ogni volta nn riesco a stare ferma con le mani nei giorni seguenti e' come se dovessi " percezionare" le cose ma naturlmente peggiorando il tutto.. come ti capisco quando dico che la dermatillomania nega anche le attività più semplici di tutti i giorni.. sei giorni in casa in estate sono tanti e ancora però nn me la sento di uscire mi sento ancora troppo inadeguata. . Pensate che oggibsono arrivati i tacnici della caldaia e sono scappata nella stanza come hai vecchi tempi.
Ma questa é vita? Mah...io sino fiduciosa so che un giorno guariro.. la mia psicologa ha detto che mi aiuterà ad uscirnee ne ho girate tante tra psicologhe psichiatri centri didipendenze ospedale psichiatrico ora finalmente ne ho tetrovata hna giusta bravissima nel suo lavoro e onesta nei soldi solo trenta euro a seduta e le sedute durano anche piu di due ore..e ci vado ogni 15 giorni.. e lei mi sta dando davvero una mano.. ho avuto miglioramenti.. e come divevo mi ha spiegato che ne uscirò ma un attenzioe piu esagerata sulla pelle c e l' avrò sempre..e mi ha sempre spiegato come l anoressica che una volta guatita nn si peserà piu did i volte al giorno ma una volta alla sera prima di dormire ccontrollerà comunque il suo peso.. beh che dire spero che tutte noi guariamo presto.. in questi giorni cerca di rilassarti in casa come dice nina distrendoti.. vedrai che piano piano la pelle guarirà e con un po di trucco ti sentirai bella e inizierai a fare una vita come le persone normali una vita che tutte noi meritiamo! e volevo dare un suggirimento a tutte cerchiamo di nn pensare troppo alle persone cosi dette normali che vanno al mare fanno le gite vanno in piscina ecc... perche nn so voi mi a me mi peggiora la situazione.. e non impostiamo dei limiti.. ad esempio: nn devo farmi male perché voglio essere presentabile al mare.. nn lensatwci verrà da se e se nn succedee perchw purtroppo siamo in crisi pazienA ci godremo di piu l inverno.. non dobbiamo prenderla come una necessità..menomale poi che l est ate dura poco Smile un bacione a tutte e on bocca al lupo...
avatar
gionny

Messaggi : 450
Data d'iscrizione : 10.07.11
Età : 23

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  gionny il Mar Lug 02, 2013 10:52 pm

Ps : scusate se scritto un po male ma sto scrivendo dal telefono e faccio più fatica... Smile
avatar
gionny

Messaggi : 450
Data d'iscrizione : 10.07.11
Età : 23

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

robertina e a tutti ciao anche a gionny sandro beth g. debh pinkgli altri che magari non ho ancora lettoio sono twist e sono nuova

Messaggio  twist il Mar Lug 02, 2013 11:17 pm

e voglio farvi una domanda personale ma fondamentale: quanti di voi sono in cura per ansia e/o depressione? detto chiaro e tondo: quanti di voi prendono psicofarmaci?

dico subito che io sono favorevolissima all'uso di antidepressivi -quando si è depressi, non a caso- e contrarissima (per esperienza diretta e dipendenza) all'uso di ansiolitici

io prendo un antidepressivo da tanti anni quindi non ve lo chiedo mica per giudicare nessuno non mi fraintendete!

Leggendo alcune delle vostre storie soffro con voi (nina se ben ricordo mi sembra parecchio giù di corda e beth e sandro con un'ansia difficile da tenere a bada )

non ricordo tutto e magari non ricordo neanche benissimo i post ma mi erano rimaste impresse alcune frasi loro

qualcuno di voi ha mai avuto il sospetto o la certezza (come ebbi io tanti anni orsono) di essere depresso/a?

P.S. a gionny che mi dice di buttare lo specchietto: sei gentile ma purtroppo mi serve per mettere il mascara (essendo miope e pococigliata non posso usare un mascara volumizzante perché mi riduce a tre peli che diventano tre peloni ma un mascara che "allunga e allarga" poco e che necessita di essere lavorato e io col mascara faccio un lavoro decente solo davanti al famoso specchietto)

twist

Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 23.06.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Voglia di smettere, voglia di rinascere

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum