Articolo de "La Repubblica" del 29 giugno 2011

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Articolo de "La Repubblica" del 29 giugno 2011

Messaggio  SIMONA il Gio Giu 30, 2011 5:30 pm

IL CASO - I medici Usa contro Photoshop "Crea aspettative non realistiche"

L'American Medical Association ha lanciato l'allarme contro i ritocchi fotografici che sono ormai diventati un'abitudine per tante star. "Alterazioni" che hanno effetti negativi "soprattutto tra bambini e adolescenti"

NEW YORK - Più sani, più belli: e possibilmente più veri. Basta con le falsificazioni. Parte dall'America la crociata dei medici contro Photoshop. E soprattutto contro le false promesse. Così belli e belle come assicura quella pubblicità e quella modella non potrete diventarlo mai: perché quella modella sarà anche bella ma è prima di tutto impossibile. Ritoccata, magari non solo dai semplici ferri ma anche da quel particolarissimo trucco fotografico che si chiama Photoshop.

Il nome per la verità indica un famoso programma di computer che permette il ritocco delle fotografie: una pratica fino a poco tempo fa destinata ai soli professionisti che però è in breve divenuta molto popolare e grazie al boom delle applicazioni adesso è addirittura a tiro di telefonino. Ma "photoshopping" è diventato un termine che sta a indicare tutto quanto riguarda il ritocco fotografico: con qualsiasi mezzo.

Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti. Negli Usa la star del reality Kim Kardashian è la bellezza più ritoccata del momento. E perfino la supercafona Snooki è apparsa sulla copertina di Rolling Stone molto più attraente di come si presenti in Jersey Shore. Non c'è modella o attrice che non venga ritoccata prima di finire sui giornali o negli spot. Perfino Kate Winslet si è assottigliata col trucco.

E così l'American Medical Association, la più grande associazione di medici del mondo, ha deciso di lanciare l'allarme. Queste "alterazioni contribuiscono a non realistiche aspettative sull'appropriatezza dell'immagine del nostro corpo: specialmente tra i bambini e gli adolescenti più impressionabili". E quindi? L'associazione si propone adesso di sensibilizzare le agenzie di pubblicità e i professionisti del settore. Non siamo ancora al divieto ma poco ci manca. Il ritocco viene considerato deleterio come lo spot di un'insana merendina. Ma non basta. Dalla Francia alla Gran Bretagna anche in Europa si è già discusso sulla necessità di regolamentare il "photoshopping" a tutela dei minori: magari con un'avvertenza che indichi esplicitamente che si tratta di ritocco.

Sarà. E i professoroni americani avranno, per carità, tutto il diritto e soprattutto il dovere di questo mondo per protestare. Ma è da Platone in giù che abbiamo imparato a diffidare delle immagini: e insomma su questo siamo già abbastanza attrezzati. Ma avete mai visto i medici avvertirci dei pericoli dei costosissimi ritocchi estetici, che loro stessi promuovono a colpi di bisturi?
avatar
SIMONA

Messaggi : 68
Data d'iscrizione : 09.06.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Articolo de "La Repubblica" del 29 giugno 2011

Messaggio  Yuuki-chan il Dom Lug 10, 2011 5:46 am

Articolo molto interessante, grazie Simona!
Magari regolamentassero davvero l'uso di Photoshop!! Shocked
Per 1 po' ho lavorato anche come web-designer e mio marito come fotografo: so benissimo quanto questo programma possa trasformare le immagini... e quanto venga usato in maniera massiccia per ogni foto!
Io sono sicura che queste immagini FINTE di modelle ritoccate fino ad essere perfette e quasi deformi, con la pelle innaturalmente liscia come silicone, senza un grammo di cellulite, magrissime col seno enorme e i fianchi strettissimi, negli adolescenti contribuiscano molto a disturbi come anoressia, bulimia, dismorfofobia, dermatillomania e altre neurosi legate all'aspetto, compresa la dipendenza da interventi chirurgici.
E paragonare queste immagini moderne al passato, per esempio alle statue dell'antica Grecia o le icone medievali come suggerito nell'articolo, mi sembra abbastanza sciocco: per quanto le antiche immagini riflettessero una bellezza ideale, erano comunque canoni umani e avvicinabili... niente a che vedere con alcune foto delle riviste attuali! Per esempio, in questo divertentissimo sito sugli orrori di Photoshop, ci sono anche post con immagini di alta moda come questa, questa o questa... e tantissime altre. Decisamente meglio cestinare le riviste di moda!
Questa storia secondo me e' molto bella e pertinente: http://www.stoppickingonme.com/stories_a08.php
Non dico che Photoshop non si debba piu' usare per nulla, per carita', ma a parere mio delle regole dovrebbero proprio esserci.
avatar
Yuuki-chan

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 23.06.11
Località : Giappone

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum